IN PRIMO PIANO

Informatica - About ASUS

Enza Garipoli
Direttore responsabile

  SiciliaMillennium.it - www.siciliamillennium.it - CULTURA&SPETTACOLO     Prima    Pagina:       DALLA SICILIA AL MONDO            
home - cultura&spettacoli - medicina new - informatica - turismo - archivio - link - credits - ricordi
 

Turismo online
Service
Catania Airport

il 12 ottobre 2008

..............per saperne di più


 La vostra vetrina su Internet

PUBBLICITA' ONLINE
SiciliaMillennium.it
è tra i quotidiani ONLINE ONLY più letti in Italia

 reclame@siciliamillennium.it
....................................
.... di più 


   Misura d'Amore

Il supplemento culturale:
Misura d'Amore

 

.................................. entra


SiciliaMillennium.it 2008

 Home
 Medicina&Salute
 Informatica
 Ricordi new
 Link
 Sicilia
 
 Madonna della Buona Nuova
 Il futuro nelle nostre mani
operaio morto a Scarpino
Superstar da 1 milione
Compagnia dei Giovani

Il sito di Anna Mauro

Il Teatro, le Regie, l'Arte di



www.annamauro.it

...............................


In primo piano da Palermo

................................ di più


 

 

..............................


© sicilia millennium 2008
   tutti i diritti riservati


   
 

 

 

 

IL TEATRO DI ANNA MAURO

SiciliaMillennium 2008

www.siciliamillennium.it

PALERMO -"ARRIVANO I LUOCCHI", DI ANNA MAURO: UN'ANTEPRIMA TRAVOLGENTE, PERVENUTI APPLAUSI E INDULGENZE ANCHE DAL "PARADISO"
di Enza Garipoli
13 ottobre 2008

PALERMO - Si alza discreto il sipario e "Arrivano i Luocchi" di Anna Mauro - che ha curato anche la regia - ha inizio sul palcoscenico del Crystal di Palermo.
Sono i colori "panormitani" della scenografia di Michele Randazzo a catturare per primi lo spettatore, che si riconosce nei rossi, nei verdi, gialli e marroni violentemente accesi che fanno da contorno e animano l'attesa dei "luocchi" di Ballarò. I cui dialoghi sono delle singolari e "sagge" cartoline, inviate in primis alle coscienze dei Palermitani, ma che poi si diffondono severamente in tutta la Sicilia.
E mentre giunge fino alla terza fila il "profumo" intenso e marinaro della gustosa mercanzia del "Purparu", quasi quasi si avvertono addirittura i caldi raggi del sole brillante di Mondello. Ed ecco che entrano in scena i Luocchi, in un ben orchestrato tripudio di battute folkloriche: con la briosa e verace Limiunara (Pinella Barone),  l'irresistibile Purparu (Salvo Rubino) e gli impareggiabili Quarumaru (Francesco Vinci) e Pisciaiolo (Davide Di Meglio).
"Macchiette" solo in parte, dal momento che questi personaggi sono stati praticamente "catturati" da Anna Mauro, piuttosto che presi "in prestito" dal popolare mercato di Ballarò.
E gli spettatori che hanno letteralmente riempito il teatro - compresi i tanti bambini intervenuti - "comprendono" tra le risate e la commozione il messaggio dell'autrice man mano che la "trama" prende corpo e vita attraverso la recitazione puntuale, affiatata, efficace e divertente dei bravissimi attori amatoriali del cast di "Arrivano i Luocchi". Questi hanno saputo immedesimarsi fedelmente negli animi semplici, limpidi e onesti dei rappresentanti più genuini del popolo palermitano, "i luocchi" appunto. Ma anche gli angioletti e i Santi inquilini del Paradiso sono stati interpretati in maniera accattivante dagli altri attori del Carrozzone.
Per le loro caratteristiche, la "Santuzza" per antonomasia, e cioè Santa Rosalia (Sonia Reina) la patrona del capoluogo della Sicilia, sceglie i Luocchi per inviare un messaggio ai suoi fedeli: "Voi siete una razza bastarda ed è per questo che siete i migliori". (Nuatri siemu 'na razza bastarda, ma propriu pi chistu siemu i miegghiu!", così "abbanniano" i luocchi)
Questo concetto forte e importante viene sviluppato nel Paradiso, dove si svolge tutto il secondo atto dell'ultima fatica teatrale della sorprendente Anna Mauro, che oramai è una splendente certezza del firmamento teatrale contemporaneo.
L'affiatamento, la bravura e la gioia di recitare insieme, seguendo l'abile regia dell'autrice, gli attori del Carrozzone li hanno dimostrati anche in Paradiso. Tra angioletti (Rebecca Ciani e Marta Modica) e Santi vari (Sant’Onofrio 'u pilusu: Claudio Mandalà, Santa Ildegarda von Bingen: Simonetta Genova, Sant’Anna: Silvana Sardina, Santa Chiara 'e Napule: Rosanna Roccamatisi, Santa Lucia: Caterina Giardina
Santa Santa: Sonya Saladino, Sant’Oliva: Rosalia Barravecchia, Santa Rosalia: Sonia Reina, Santa Cristina: Serena Mauro, Sant’Agata: Valeria Chiaro, Santa Ninfa: Carla Crisenza)
, il divertimento è proseguito tra esilaranti e ulteriori "scoperte" sul mondo dell'Aldilà popolato dai Santi "umanizzati" di Anna Mauro.
Dai più famosi: come Sant'Anna, Santa Lucia e Santa Santa - ai santi meno conosciuti, come ad esempio Sant'Onofrio e Santa Ildegarda ecc. ecc., dal cognome impronunciabile... la quale, non solo è esistita veramente, ma è stata effettivamente la prima musicista donna della storia cristiana, nonché una abile pasticcera (poco apprezzata però dai "colleghi" criticoni) tanto che su Internet è possibile trovare la ricetta dei suoi biscotti "paradisiaci".
Per tutti, attori e autrice, applausi a scena aperta generati dal puro divertimento del pubblico, completamente conquistato dalla "band" di luocchi e Santi made in Palermo.

LA PAROLA AI LUOCCHI DI ANNA MAURO
Quarumaru

U vurieddu pappuni è a miegghiu parti e si po' fari puru ammuttunatiun vurieddu luongu chi si inchi ri rintra: ri patati, cipudda, alive…tutti cuosi. E' na viera liccumaria…

Quarumaru

Arrieri cu sta putia! Ju nascivu quarumaru e vuogghiu muoriri quarumaru (sbatte il coperchio).

Limiunara
Minchiuni!

Purparu
N'è che è vastasa! E' picchì ci fa rima cu limiuni. E' na poesia stu mircatu.

Limiunara
E tu ti mietti a vinniri puru quarumi.

Quarumaru
Ma no lavata cu cuacinazzu! Un n'u sannu chi cchiù lorda è, megghiu è. Certi gnurantazzi a vuonnu bianca. Chi l'annu a stienniri? Chi su lenzuola? Cchiù nivura e 'ncatramata è, cchiù sapurusa è.

Purparu
Aju un duluri 'nte cannaruozza…

Limiunara
Ci vulissi un motorinolaringoiatra chi ti facissi arrusciare cu l'aerosollo.

Quarumaru
Infatti a fudda c'aviti…(ad invisibili acquirenti) Piano, piano, senz'ammuttari. Mancu nni putiemu arriminari. A televisioni. Scioter'e matri! Na matina unu si susi e dici…A pasta cu l'uogghiu adduogghia. N'autra vuota si susi n'autru scognitu e dici…Chista è cancerogena…l'autru è diarrogeno. Chiddu ni fa bieniri u muorbu. E puru cu sa? Nni sciusciamu cu muccaturi e nni passa.

Limiunara
veramente un euro…
Intanto un cafè custa settanta centesimi e poi comu si un euro fussiru milli lire. U'n su milli liri, su rumila liri.
E u capogabinetto…
Signora, ma picchì si fa a moltiplicazione? S'av'adeguari. L'euro un n'a crisciutu. Ora ci su l'euro e io m'adeguo.
Caminu chi tiempi, no catammari catammari. S'un euro è comu fussiru milli liri, allura l'assegno ri mantenimento chi pigghiu ri tricientu euro è di tricientumilaliri.
A stissa logica!

(si toglie gli occhiali e li pulisce) Bedda matri, u'n ci vju cchiù.
Mi firrianu i palli ri l'uocchi e vju scaluna a tutti banni.

Purparu
Chi nni vò riri? Parra Santuzza biedda

Santuzza
Vuogghiu ch'acchianano a munti Piddirinu.
"Vuogghiu a devozione. Avit'a pattiari e ju vi fazzu a grazia. E poi m'aviti a ringraziari.
Vuogghiu lassati i pizzini, i fotografie, ri bianchi, gialli e nivuri. Disegni ri picciriddi. Un ciru, na preghiera. Na risata.

Quarumaru
E poi?

Santuzza
C'avit'a diri a tutti… U fistinu è u fistinu! E' l' occasione pì fari travagghiari tutta a popolazioni e no ddi quattru sfasciallitti chi si sientinu un cantaru e mienzu.
Ciuri, Cantati, simienza, palloncini!

Quarumaru
Sulu accussì tutti i puvirieddi ci putissiru guaragnari corchi cuosa.

Santuzza
Riciticcillu a popolazioni.
Un l'hannu a sfuttiri 'u sinnacu quannu mi puortanu e quattro canti.
U'n si fa
U sinnacu è u sinnacu,
a Santuzza è a Santuzza,
a me fiesta è a me fiesta.

Purparu
I guerri, si si vonnu fari si vannu a fannu ravanzi o Comune,
Ai quattru canti s'avj a ghiunciri tuttu u popolo palermitano.

Quarumaru
Ann'a vuciari…Viva Palermo e Santa Rusulia!

I luocchi
Viva Palermo e Santa Rosalia!

Santuzza
U'n m'abbannunati.
Sulu accussì vi pozzu aiutari a cummattiri a vostra malatia…

Quarumaru
Quali malatia?

Santuzza
A malatia ri palermitani. E' na malatia tinta, c'on ci fa aviri fiducia ne cuosi buoni chi putissiru fari.
Ncurpanu all'autri, ma su iddi,
i palemmitani c'on si ni ponnu liberare o forsi con si ni vonnu liberare.
E' facile rarici a curpa all'autri.
Riciticcillu.
Abbanniaticcilu.
Nuatri siemu na razza bastarda, ma propriu pi chistu siemu i miegghiu!

Ora vi nni putiti jri.
Putiti scinniri.
Scinniti scinniti ntò scuru ri ddà città maliritta e abbanniaticcillu.

(i quattro s'incamminano mesti per andare via (di nuovo vivi e liberi di ritornare a Ballarò), scendono in platea e poi, come presi da un raptus, iniziano ad abbanniare)

Limiunara Purparu Pisciaiolo Quarumaru

Un ci rati a curpa all'autri.
Vuautri ci'a putiti fari.
Picchì siti na razza bastarda
e propriu pi chistu siti i miegghiu!
Siti i miegghiu! Siti i miegghiu! Semu i miegghiu

 

.......................................................................


Altre notizie

....................................vai all'archivio

 

  Lettere al direttore

   

 Eventi, cinema, sport, enti, istituzioni




Pubblicizzati...  la nuova campagna 2008
Pubblicità
su SICILIA MILLENNIUM

inviare email a:
direzione@siciliamillennium.it
....................................
.entra


12 ottobre 2008

Anna Mauro mette ancora una volta sotto la lente di ingrandimento il mercato storico di Ballarò. Al centro del primo atto di questa pièce originale, c’è la misteriosa perfezione della sinfonia delle “abbanniàte”: "La Limiunara", chiassosa e piena di sé, il Pisciaiolo sdentato che espone il pesce sul passeggino ed altri “colleghi”. Fra le bancarelle apparentemente improvvisate c’è un botta e risposta di voci degne dei più grandi tenori. I venditori interrompono i loro gorgheggi per fare quattro chiacchiere o dedicarsi ad innocue scaramucce che si dileguano nel nulla: “Purparu” versus “Quarumaru” uno a zero – risultato puramente indicativo che può benissimo ribaltarsi il giorno dopo.
***
Accolti dagli angeli e dalle quattro patrone di Palermo, i sempliciotti si ritrovano in paradiso … in un botto!
Chissà se sono stati travolti dall’insolito destino di un errore fatale o se invece, prescelti fra migliaia per ricevere un messaggio destinato al popolo, fanno parte di un disegno superiore. Lo spettatore è dunque trasportato in una dimensione oltremondana, ma non poi così rarefatta.
C’è infatti un carosello di simpatici personaggi che si preparano ad accogliere i quattro ="luocchi” in arrivo: una schiera di santi un po’ bizzarri che snocciolano i loro vezzi, difetti e una genuina umanità. Insomma, in terra o in paradiso, tutto il mondo … anzi, “tutto il creato è paese”! (Simonetta Genova)

Risate ... celestiali con:
‘a Limiunara: Pinella Barone
‘u Purparu: Salvo Rubino
‘u Quarumaru: Francesco Vinci
‘u Pisciaiolo: Davide Di Meglio
Sant’Onofrio 'u pilusu: Claudio Mandalà
Angioletti: Rebecca Ciani e Marta Modica
Santa Ildegarda von Bingen: Simonetta Genova
Sant’Anna: Silvana Sardina
Santa Chiara 'e Napule: Rosanna Roccamatisi
Santa Lucia: Caterina Giardina
Santa Santa: Sonya Saladino
Sant’Oliva: Rosalia Barravecchia
Santa Rosalia: Sonia Reina
Santa Cristina: Serena Mauro
Sant’Agata: Valeria Chiaro
Santa Ninfa: Carla Crisenza
Il fotografo: Marco Arciello
***
Scenografia: Michele Randazzo
Fonica e Luci: Arcadia service e Livio Rubino
Regia: Anna Mauro


 

 

.................................. di più


  IL BLOG DI ENZA GARIPOLI


PATechnoloGEEK weBLOG
Cliccare su: 

Enza Garipoli

...........................per saperne di più

  .

 




SiciliaMillennium
 Fondato nel febbraio 2001
progetto grafico Edizioni Steri -  2004 - 2005
progetto editoriale-impaginazione: Enza Garipoli
© sicilia millennium 2008
All rights reserved - Tutti i diritti riservati 

- --