home Sicilia Millennium  - scrivi al direttore  

notizie dalla sicilia

 

© sicilia millennium
quotidiano telematico diretto da Enza Garipoli
tutti i diritti riservati
sicilia millennium... e ti affacci al mondo

 

indice delle notizie 
regionali

 
     vai al supplemento culturale Misura D'Amore    

 

   


CATANIA -  MORTO AGENTE COLPITO DA BOMBA CARTA, GETTATA DENTRO L'AUTO IN CUI SI TROVAVA MENTRE SI EFFETTUAVANO CONTROLLI L'ESTERNO DELLO STADIO MASSIMINO IN OCCASIONE DEL DERBY VINTO DAL PALERMO: FILIPPO RACITI AVEVA 38 ANNI E LASCIA LA MOGLIE E DUE FIGLI PICCOLI
2 febbraio 2007

CATANIA - Questa sera allo stadio, per il derby con il Palermo si sono dati appuntamento la violenza e la morte. MORTO AGENTE COLPITO DA BOMBA CARTA ALL'ESTERNO DELLO STADIO IN OCCASIONE DEL DERBY CON IL PALERMO: FILIPPO RACITI AVEVA 39 ANNI E LASCIA LA MOGLIE E DUE FIGLI PICCOLI.
 Un centinaio i feriti, di cui 70 sono poliziotti e fra questi è grave un altro agente ferito negli scontri. Venti gli ultras fermati. Campionato fermato sabato e domenica, mentre sono state bloccate anche le partite della Nazionale. La Figc ha infatti deciso che dopo la morte del poliziotto a Catania, oltre a tutti i campionati di calcio non si giocheranno neanche le gare della nazionale maggiore e dell’under 21, che la prossima settimana dovevano giocare due amichevoli contro Romania e Belgio.
Gli incidenti di Catania fanno seguito alla morte del dirigente sportivo calabrese, percosso a morte alla fine di un incontro dilettantistico.

 Il gravissimo episodio è stato condannato anche dal mondo politico e sportivo.
Prodi: "Ci vuole un segnale forte"
ROMANO PRODI (Presidente del Consiglio): "Sono rimasto scioccato. Ho approvato in pieno la decisione di sospendere il campionato: c'è bisogno di riflettere, c'è bisogno di una disciplina forte su queste cose. Il primo pensiero va al morto ed ai suoi figli. Fino a poco fa ho sperato che ce la facesse, questo militare che è morto dando la vita per il suo lavoro. Ma non si può rischiare la vita per lo sport.
Non è possibile continuare in questo modo. Dopo i gravissimi incidenti che si sono verificati questa sera a Catania, il primo pensiero va alle persone rimaste coinvolte e alle loro famiglie. Ma subito dopo, sento il dovere di dire che è necessario un segnale forte e chiaro per evitare la degenerazione dello sport a cui siamo purtroppo drammaticamente sempre più spesso assistendo".
GIOVANNA MELANDRI (ministro delle Politiche Sportive): "Esprimo il mio più sincero cordoglio alla famiglia dell'agente caduto. La morte di un poliziotto a Catania, aggravata dall'entità degli scontri che hanno coinvolto la città e causato moltissimi feriti è una notizia sconvolgente, che lascia attoniti ma che chiama a decisioni immediate e drastiche. Il Governo non tollererà più che ogni giornata di campionato siano dispiegati migliaia di agenti delle forze dell'ordine se a rischio rimane l'incolumità loro e quella dei cittadini. D'accordo con il Ministro dell'Interno Giuliano Amato :riteniamo che la sospensione della prossima giornata dei campionati decisa dalla Figc sia una decisione quanto mai opportuna. Il governo e il mondo dello sport nelle prossime ore dovranno però far sì che il campionato riparta in maniera totalmente diversa".
GIULIANO AMATO (ministro dell'Interno): Il ministro ha espresso al capo della Polizia, prefetto Gianni De Gennaro, il suo cordoglio per la morte dell'ispettore Raciti durante gli scontri di stasera a Catania. Il pensiero di Amato va - secondo quanto si apprende al Viminale - alla famiglia dell'agente al quale il ministro esprime vicinanza. Il responsabile del Viminale sta seguendo, in continuo contatto con il capo della Polizia, l'evolversi della situazione.
FAUSTO BERTINOTTI (presidente della Camera): "La morte di Filippo Raciti addolora le coscienze di ciascuno di noi e nello stesso tempo ci chiama a condannare ogni fenomeno di violenza, sia esso legato a una manifestazione sportiva o a quant'altro". "Che una partita di calcio - osserva Bertinotti - si trasformi in uno scontro violento tra presunti sostenitori di squadre diverse è elemento da deplorare e combattere. Ma oggi da respingere sono tutte le forme di barbarie che contaminano i nostri tempi. Alla famiglia di Filippo Raciti vanno le mie più sincere condoglianze e la mia vicinanza".

 

argomenti correlati
CATANIA 2 febbraio 2007

L'ispettore capo della polizia Filippo Raciti è morto alle ore 22.10 di ieri sera per arresto cardio-respiratorio a seguito delle esalazioni di una bomba carta. Questo in sintesi il referto medico dei sanitari dell'ospedale 'Garibaldi' di Catania, che attesta la morte dell'ispettore capo della Polizia. Al suo arrivo al pronto soccorso del nosocomio catanese, Raciti era in condizioni definite dai medici "disperate".

Il primario del reparto di rianimazione dell'ospedale, Sergio Pintaudi, ha ricostruito ai microfoni di Sky i momenti drammatici dall'arrivo di Raciti al pronto soccorso, giunto assieme a diversi feriti, al suo decesso. "Sono partiti subito i tentativi di rianimarlo e - ha spiegato il medico - per circa tre quarti d'ora il cuore ha continuato a battere dopo una prima ripresa. Alla fine però le pupille si sono dilatate e sono diventate vitree e lì abbiamo capito che non c'era più nulla da fare e non è rimasto altro che constatare il decesso".


COSENZA - Morto un dirigente sportivo a Luzzi, dopo una rissa al termine di una partita di terza categoria
27 gennaio 2006
......................di più