IN PRIMO PIANO

Informatica - About ASUS

Enza Garipoli
Direttore responsabile

   Sicilia Millennium - www.siciliamillennium.it - 4 novembre 2009     Prima Pagina:       MARRAZZO GAME A PORTA A PORTA              
home  - spettacoli - medicina - informatica - turismo - archivio - link - credits - ricordi - new cultura
 

 

Ottobre 2009

..............per saperne di più


 La vostra vetrina su Internet

PUBBLICITA' ONLINE
SiciliaMillennium.it

reclame@siciliamillennium.it
....................................
.... di più 


   Misura d'Amore

Il supplemento culturale:
Misura d'Amore

 

.................................. entra


SiciliaMillennium.it

 Home
 Medicina&Salute
Old
&Salute
 Informatica
 Ricordi new
 Link
 Sicilia
 


FRANCESCA PATANE'

 new cultura
 

Il sito di Anna Mauro


Il Teatro, le Regie, l'Arte di



www.annamauro.it

...............................


 I Chiostri del tempo di Colombo

TURISMO IN SICILIA e... non solo


Sicily District

....................................di più


SPECIALE NUBIFRAGIO DI MESSINA

BERLUSCONI "SANTO SUBITO"

“Ogni fegatino di mosca è sostanza”
DALL'Fmi ALLARME disoccupazione

 IL SISMA CHE HA FERITO L'ABRUZZO

 PADOVA - SCOPERTO GENE BLOCCA METASTASI

 MORTO LO SCRITTORE  BONAVIRI,

I dipendenti P. A. sono tutti fannulloni?

L'ARS approva riforma sanitaria

 I Luocchi “Storia di vita e di       santi" di Aldo Reina

"I LUOCCHI", DI ANNA MAURO: ANTEPRIMA travolgente di Enza Garipoli

 ROMA - Protocollo di Palermo sulla tratta

Rassegna “Tutti in scena”,

 RIFORMA INTRAMOENIA

“Il martirio di Agata

Gli ITALIANI SI SENTONO BENE

  COLUMBUS DAY ALL'ITALIANA

 Madonna della Buona Nuova

MORTO MIKE BONGIORNO

 ROMA - Protocollo di Palermo sulla tratta

  COLUMBUS DAY ALL'ITALIANA


 

 

..............................


© sicilia millennium 2009
   tutti i diritti riservati


   
 

 

 

 

Cronache

5 novembre 2009

www.siciliamillennium.it                                                                           

PARENTOPOLI BIS ALL’UNIVERSITA’ DI MESSINA: IL FIGLIO DEL DOCENTE CARMELO MIGLIARDO E LA NIPOTE DEI PROFESSORI ALDO E CONCETTA EPASTO SI AGGIUDICANO GLI ULTIMI POSTI DELLA ‘TORNATA SCANDALO
 


 

MESSINA - Portarli a termine è stato mollo difficile: più volte i commissari eletti si sono dimessi ed è stato necessario sostituirli. L’esito, però, è stato quello solito: figli e nipoti hanno ingrossato l’organico dell’Università di Messina, intessuto di una fitta ragnatela di parentele.
Erano gli ultimi due concorsi per aggiudicarsi posti di ricercatore all’Ateneo nell’ambito di una tornata di 31, bandita a febbraio del 2008, nella quale 7 bandi avevano visto prevalere figli e nipoti. Uno, di Economia politica per la Facoltà di Economia e commercio, è andato a Carlo Migliardo, figlio di un docente, Carmelo, ordinario nella stessa disciplina e nella stessa facoltà guidata dal preside Luigi Ferlazzo Natoli. L’altro, di Geografia Economia per la Facoltà di Scienze della Formazione del preside Ninni Pennisi, se l’è aggiudicato Simona Epasto, laureata in Giurisprudenza, iscritta all’Ordine degli avvocati di Messina, nipote di due docenti della stessa Facoltà, Concetta, ordinario di Pedagogia e Aldo, associato della stesa disciplina.
Ma se gli atti del primo concorso sono stati approvati dal rettore dell’Ateneo di Messina, Francesco Tomasello, quelli del secondo ancora sono al vaglio del Magnifico e non sono stati resi pubblici. Carlo Migliardo non ha avuto difficoltà a sbarazzarsi dei suoi due concorrenti: si sono, infatti, eliminati da soli. Hanno presentato la domanda, i titoli, che sono stati valutati dalla commissione, ma alle prove scritte non si sono presentati. Se n’è rimasta a casa anche Lara Gitto, allieva di Giuseppe Sobbrio, docente di Economia alla Facoltà di Giurisprudenza, benchè il suo curriculum fosse stato valutato dalla commissione “più che buono” e i titoli “discreti anche se in alcun casi poco congruenti con il settore scientifico disciplinare”.
Al contrario di Migliardo, il nuovo ricercatore figlio d’arte, che ha ottenuto dalla commissione un giudizio di “sufficienza” per il curriculum e i cui lavori “sono stati ritenuti apprezzabili per quanto non abbiano ancora trovato alcuna collocazione in riviste scientifiche”. Uno dei commissari, Antonio Acconcia, che ha preso il posto del commissario eletto, è stato più esplicito: “Quanto alle pubblicazioni, i lavori valutabili sono due: uno a firma singola, è una versione evidentemente provvisoria e allo stato non sufficiente; I’altro, a firma congiunta con due coautori, è sufficiente”. ll giudizio dei commissari non è mutato nel corso delle prove scritte: “appena sufficiente” e “sufficiente”, le valutazioni collezionate.
Ma Migliardo, a quel punto, non aveva rivali. E ha così strappato la tanta sospirata idoneità.
Nella stessa tornata, l’Ateneo ha bandito un altro posto di ricercatore in Economia politica: destinato, questo, alla facoltà di Scienze politiche. Le prove si sono tenute un anno prima di quelle del concorso che ha vinto, ma Carlo Migliardo non ha neppure presentato la sua candidatura. Sarà, adesso, il più stretto collaboratore del padre, protagonista tra il 2O02 e i 2005 di una prodigiosa scalata nel mondo accademico. Era stato per molti anni ricercatore, poi di colpo ha vinto due concorsi: uno di associato e uno di ordinario. Migliardo è un cognome noto nel mondo accademico messinese. ll fratello di Carmelo, Placido Migliardo, di recente scomparso era ordinario di Fisica alla Facoltà di Scienze. La figlia di quest’ultimo, Federica, balzò agli onori della cronaca nazionale denunciando di essere stata boicottata in un concorso per ricercatore di Fisica andato ad un così detto “figlio di nessuno”, Andrea Mandanici. Fu lo stesso preside della Facoità di Scienze, Mario Gattuso ad intervenire: “Mandanici meritava il posto”. ll posto di ricercatore di Geografia Economica andato ora a Simona Epasto fu bandito dal Senato accademico a febbraio del 2008 in base ad una delibera del Consiglio di Facoltà di Scienze della Formazione che fu adottata al termine di una riunione infuocata: secondo alcuni docenti, infatti, in una facoltà che, come denuncia il preside Pennisi, “presenta nell’ateneo di Messina le più grosse carenze di docenti in relazione al numero degli iscritti ed alcuni degli 8 corsi di laurea rischiano di dover essere chiusi”, la Geografia - economica “non era - sostenevano questi docenti - tra le discipline che era necessario con più urgenza coprire”. E’, infatti, una materia che figura in soli due corsi di laurea e alle eventuali necessità si sarebbe potuto sopperire bon l’utilizzazione dei sei docenti (2 ordinari e 4 ricercatori) di Geografia, disciplina affine. La maggioranza del Consiglio di facoltà la pensò diversamente grazie anche al sostegno che diede a questa decisione il preside Pennisi. ll concorso è iniziato con il piede sbagliato, ed è proseguito peggio: dapprima si è dimesso Edoardo Boria dell’Università La Sapienza di Roma e, successivamente, Luca Zarrilli, associato dell’Università di Chieti, sostituiti rispettivamente Gianni Petino e da Oria Tallone. Simona Epasto, prima di partecipare al concorso, all’attivo aveva un dottorato di ricerca in Geografia svolto nell’ambito del Dipartimento di Scienze sociali ed economiche diretto dal preside di Economia, Luigi Ferlazzo Natoli. Sul catalogo d’ateneo risulta una sola pubblicazione “Problemi di geografia culturare in Europea”, un articolo di dodici pagine pubblicato sulla rivista Vega. Del curriculum, nulla è dato sapere: a quanto risulta, “non ha dato il consenso alla pubblicazione”. MICHELE SCHINELLA - centonove del 30-10-09


E PER LA SERIE NULLA DI NUOVO SOTTO IL SOLE...

Facoltà di Agraria: tutto in famiglia
Di Quirino Paris - 24 ottobre 2008
Perché interessa tanto il nepotismo nell’università italiana? Perché rappresenta la punta dell’iceberg del malcostume che inevitabilmente si instaura quando non vi siano incentivi e penalità, sia a livello individuale che di ateneo, nel reclutamento del personale accademico. I casi delle facoltà di Agraria di Catania e Palermo, con un buon numero di docenti di uno stesso dipartimento legati da rapporti di stretta parentela.

Nel settembre 2005, il professor Piero Tosi, a quel tempo rettore dell’università di Siena e presidente della Crui, scriveva che i concorsi-truffa erano semplicemente degli episodi. Nel 2006 Tosi dovette abbandonare entrambe le cariche anche in seguito a un concorso al quale aveva partecipato il figlio. Da allora, è emerso che molte facoltà dell’università italiana sono coinvolte in situazioni di nepotismo. Roberto Perotti, nel suo volumetto intitolato L’università truccata l’ha documentato ampiamente per l’università di Bari e la facoltà di Medicina de La Sapienza di Roma (Roberto Perotti, L’università truccata, Einaudi 2008).

L’esempio di Catania e Palermo

Perché interessa tanto il nepotismo? Perché rappresenta la punta dell’iceberg del malcostume universitario che si instaura inevitabilmente quando non vi siano incentivi e penalità, sia a livello individuale che di ateneo, nel reclutamento del personale accademico.

In un’analisi dettagliata della situazione nel 2006, “Ateneo Palermitano”, giornale on-line diretto da Francesca Patanè, ha messo in risalto il sorprendete livello di nepotismo che vige nelle facoltà di Agraria di Catania e di Palermo.

Con centotrenta unità di personale accademico e ventitré persone legate da stretta parentela, la facoltà di Agraria di Palermo presenta un tasso di nepotismo di quasi il 18 per cento. Le punte più alte riguardano gli economisti agrari. Nel dipartimento Esaf (Economia dei sistemi agro-forestali) su diciannove docenti, dieci hanno rapporti di parentela con altri docenti dello stesso dipartimento, con una percentuale vicina al 53 per cento. Seguono il dipartimento di Colture arboree con il 23 per cento e il dipartimento di Agronomia ambientale e territoriale con il 17 per cento.

Nella facoltà di Agraria dell’università di Catania, su cinquantuno professori ordinari, quattordici hanno rapporti di stretta parentela per un valore del 27 per cento. Nel dipartimento di Scienze e tecnologie fitosanitarie, quattro professori su dieci hanno rapporti di parentela con altri docenti dello stesso dipartimento o della facoltà, per un 40 per cento di tasso di nepotismo. Nel dipartimento di Scienze economico-agrarie ed estimative si trovano tre parenti su nove afferenti, per un tasso del 33 per cento.

 

 





 

 


 



 

 

.......................................................................


Altre notizie

....................................vai all'archivio

 

  Lettere al direttore

   

 Giornalismo, cinema, sport, enti, istituzioni


29 ottobre 2009

www.siciliamillennium.it

ROMA - Assegnato alla dott. Ilaria Capua il premio “Grande Ippocrate” per il Ricercatore medico dell’anno, dall’Unione Nazionale Medico Scientifica d’Informazione,


ilaria Capua
 

.........................................per saperne di più


16 ottobre 2009

www.siciliamillennium.it

Convegno sull'eiaculazione precoce lunedi' 19 ottobre


 

.........................................per saperne di più


13 ottobre 2009

www.siciliamillennium.it

ROMA - Patto salute: Conferenza Regioni il 15 ottobre
 

.........................................per saperne di più


11 ottobre 2009

www.siciliamillennium.it

PALERMO - Verso lo sblocco i concorsi per le sedi farmaceutiche vacanti in Sicilia 
L’intervento della Federazione ha portato a un proficuo  incontro con l’Assessore regionale alla Sanità. “Si è raggiunto un accordo soddisfacente che avrà una prima verifica la prossima settimana” dichiara il segretario della Federazione Maurizio Pace
 

.........................................per saperne di più


8 ottobre 2009

www.siciliamillennium.it

AGRIGENTO - PREMIO PIRANDELLO 2009, assegnato a Micaela Seganti, Cosimo Sollazzo e Corrado D'Elia, I VINCITORI SARANNO PREMIATI IL 10 DICEMBRE
 

.........................................per saperne di più


7 ottobre 2009

www.siciliamillennium.it

TAORMINA (MESSINA) - La IV Edizione del Premio Nazionale Cutrufelli a Sarah Zappulla Muscarà


Da sinistra: Sarah Zappulla Muscarà e Gigliola Reyna Cutrufelli

........................................per saperne di più


 1 agosto 2009


MILANO - RATIOPHARM: i FARMACI EQUIVALENTI sono conosciuti da  9 ITALIANI SU 10
 

............................................per saperne di più


Scienza 2009

MILANO - EIACULAZIONE PRECOCE - APPROVATO ANCHE IN ITALIA IL PRIMO FARMACO ON DEMAND  PER IL suo TRATTAMENTO - DAL 1° LUGLIO DAPOXETINA IN FARMACIA

............................................per saperne di più


 Non dimenticare Abruzzo

L'AQUILA  -  Sisma Abruzzo, I NOMI DELLE VITTIME PUBBLICATI SUL SITO DELLA REGIONE ABRUZZO
 

..........................................................di piu'


  .

 




SiciliaMillennium
 Fondato nel febbraio 2001
progetto grafico Edizioni Steri -  2004 - 2005
progetto editoriale-impaginazione: Enza Garipoli
© sicilia millennium 2009
All rights reserved - Tutti i diritti riservati 

- --