torna a sicilia millennium - scrivi al direttore

RICORDI

© sicilia millennium
quotidiano telematico diretto da Enza Garipoli
tutti i diritti riservati
sicilia millennium... e ti affacci al mondo

 

 

 
     vai al supplemento culturale Misura D'Amore  
 


FRANCESCA MAMMANA NON E' PIU' TRA NOI
DOMANI RICORRE IL PRIMO ANNIVERSARIO DELLA SUA SCOMPARSA, MA IL SUO RICORDO RIMANE NEI CUORI DI COLORO CHE HANNO AVUTO IL PRIVILEGIO D'AVERLA AVUTA CARISSIMA FIGLIA, SORELLA, AMICA E COLLEGA

6 giugno 2005


CATANIA - Dopo un anno, Francesca, il tuo ricordo non si è appannato, sei stata da sempre una persona speciale e come tutte le persone uniche, anche tu non morirai mai.

Per i tuoi tantissimi amici, voglio farmi portavoce.

«Ricordando Francesca Mammana, la prima delle sue qualità che si affaccia alla mente è la sua Eleganza, sia morale che estetica. La estrema eleganza del suo essere forte e fragile nello stesso tempo. Sempre equilibrata e misurata, improntata indiscutibilmente ad un intimo sentire dove la signorilità, l'intelligenza e la professionalità unite ad un grande amore per il prossimo, coesistevano in lei con armonia, gestite con eleganza genuina.
Durante l'ultimo tristissimo periodo che coincise con la ricaduta del suo male spietato, mi ripeteva con grande affetto: «Non è giusto pensare unicamente agli altri, dobbiamo anche amare noi stessi, dobbiamo volerci bene per non permettere alle malattie di prendere il sopravvento nel nostro corpo. Io l'ho capito dopo tanti anni, ma adesso voglio amarmi di più e cominciare soprattutto a curarmi perché il cancro non mi ucciderà...»
Ed era effettivamente migliorata, e la bella foto sopra di circa un anno e mezzo fa lo dimostra, le analisi e gli esami erano sempre più confortanti: si illudeva e con lei ci illudevamo anche noi, i suoi più intimi amici, io, Annamaria, Marisa, Giovanna, Alessandro, Pippo, Antonio, Angela, Memo, Rosalba...; ci illudevamo che anche per quella terza volta la sua volontà di ferro ce l'avesse fatta a sconfiggere quel nemico innominabile, ma sempre presente in tutti i discorsi. Ma Francesca, pur confessandomi la sua umana sofferenza, non consentiva nemmeno a se stessa di cedere allo sconforto. Era lei a credere per prima alla sconfitta del suo male, che ha combattuto con ogni mezzo, con terapie tradizionali e nuove metodiche. E contagiati dalla sua certezza, anche in noi c'era la speranza di una sua prossima e definitiva guarigione, anche perché fino all'ultimo si recava puntualmente nel suo ufficio, alla Simeto Docks, dove occupava un posto manageriale.
La sua vita professionale le ha dato grandi soddisfazioni, poiché è stata lei stessa l'artefice della sua prestigiosa carriera, che si è costruita da sola grazie alle sue innate capacità manageriali, creando un settore di forte espansione nel campo della pubblicità.

 ...........


 

FRANCESCA MAMMANA CI HA LASCIATO IL SUO AMATO SORRISO
E L'ESEMPIO DI UNA VITA RICCA DI GRANDE CORAGGIO
DISPONIBILITA' E GRANDE SIGNORILITA'

8 giugno 2004


 

CATANIA - Ciao Francesca, ti ho salutata oggi con una marea di amici tutti riuniti nel dolore per la tua crudele scomparsa. La chiesa dei Bianchi di Trecastagni è riuscita a malapena ad accoglierci tutti, non sembrava vero che tu non ci fossi più.
E la tua veloce malattia non ci ha dato nemmeno il tempo di rassegnarci, tu stessa poche settimane fa credevi ancora di farcela, ma iddio ti ha voluta con sé. Sia fatta la sua volontà. Arrivederci Francesca.

 

 


A mio padre
ricordo di Antonio Garipoli

Ciao Francesca
ricordo di
Francesca Mammana