home Sicilia Millennium  - scrivi al direttore

notizie dalla sicilia

© sicilia millennium
quotidiano telematico diretto da Enza Garipoli
tutti i diritti riservati
sicilia millennium... e ti affacci al mondo

 

indice delle notizie 
regionali

 
     vai al supplemento culturale Misura D'Amore  

 


CATANIA - I TEMPLARI IN SICILIA
Grande successo di pubblico, alla "prima" di "Sicilia Templare", l'ultima opera del giornalista e scrittore catanese Salvatore Spoto, presentata da Enza Garipoli
Alla manifestazione, promossa dall’associazione culturale “SiciliAntica”,  sono intervenuti la soprintendente ai Beni culturali Maria Rita Branciforti, il neo segretario generale di SiciliAntica Giuseppe Lo Porto e la presidente della sezione catanese di SiciliAntica Silvana Musso
6 dicembre 2005


DA SINISTRA: LA SOPRINTEND. BRANCIFORTI, SPOTO E GARIPOLI

CATANIA - Martedì 6 dicembre, ore 17, nel salone del Convitto nazionale “Cutelli”, in via Vittorio Emanuele, Catania, presentazione del libro di Salvatore Spoto “Sicilia Templare”, edito dalla Newton&Compton, promossa dall’associazione culturale “SiciliAntica”

    I Templari in Sicilia, interpreti della società che cambia.
Nasce la “tresca”, primo ballo tra uomo e donna


Sicilia templare”, un libro che apre pagine buie, dimenticate, ma ricche di fascino e mistero nella plurimillenaria storia dell’isola. Il Graal? Inutile cercarlo nelle brumose vallate celtiche. E’ sull’Etna, grande calice dove il fuoco incontra il cielo, così come il Male si scontra con il Bene. Salvatore Spoto, in questa sua ultima opera, torna su una pagina di storia, importante ma dimenticata, quella dei Templari in Sicilia. Li passa al vaglio della obiettività scientifica, salvandoli dalla fantasia letteraria e raccontandoli con chiarezza di linguaggio e piacevolezza del racconto, che hanno permesso a Salvatore Spoto di conquistare lettori e ricevere ambiti premi.

I Templari, in Sicilia, sono attori che si muovono nello scenario del mondo sconvolto da lotte di potere, soprattutto quelle tra Aragonesi ed Angioini, che porterà alla guerra dei Vespri, il cui esito non è solo limitato alla Sicilia ma di portata internazionale.
L’opera di Spoto rivela aspetti insoliti della presenza dei Templari e di altri ordini religiosi in Sicilia. L’autore racconta l’epopea dei grandi pellegrinaggi in Sicilia per onorare San Giacomo, prima che il culto per questo santo metta radici a Santiago di Compostella, in Spagna. Ricostruisce la realizzazione del Biviere di Lentini, espressione della tecnica idraulica araba, approfondendo, poi, la nascita del rapporto tra i monaci-guerrieri e un gruppo di musulmani, a loro simili, quello della Setta degli Assassini.

Il libro riporta anche documenti relativi ai sistemi di vita dei Templari in Sicilia, dalle abitudini alimentari alla consuetudine di andare a dormire vestiti di tutto punto e, sempre, con la luce accesa. Tutto questo accadeva negli scenari della loro vita siciliana. C’è la descrizione della Magione di Piazza Armerina, ma anche di Trapani, Scordia, Paternò e Lentini, quest’ultima una sorta di Eden per “cavalieri” che dovevano ritemprarsi dalla fatica della guerra, ma anche una importante base logistica per rifornire i reparti di Templari impegnati in Oriente. C’è un capitolo che si occupa delle imprese dei siciliani nel Nord. Affronta i rapporti tra Federico II, sostenitore dei Cavalieri Teutonici, stanziati soprattutto a Messina e Palermo, diretti concorrenti dei Templari, ed Ezzelino da Romano, signore veneto. C’è anche il racconto della realtà ebraica siciliana che aveva in Polizzi il principale presidio sanitario del Mediterraneo.
Salvatore Spoto, è anche cronista che fruga tra i segreti del passato, e vi scopre l’origine del ballo che proprio in Sicilia, cessa di essere un atto religioso. C’è la novità degli uomini che danzano con le donne. Questo nuovo ballo è battezzato con un nome destinato a resistere nel tempo: la “tresca”.

Salvatore Spoto, giornalista e scrittore, è autore di opere di grande successo, tra le quali ricordiamo “Roma esoterica” (ed. Newton&Compton), “Roma, porta d’Oriente” (Atanor), “I baccanali, uno scandalo religioso” (Lithos), “Storia e mistero dei Tarocchi” (ed. Logartpress), i “Carte” (Fabbri-Rizzoli). Alla Sicilia, come ponte di cultura e società tra Oriente ed Europa, ha dedicato “Miti, riti, magie e misteri della Sicilia”, “Sicilia antica” e “Sicilia normanna”, tutti editi dalla Newton & Compton.
 


 

 

argomenti correlati

GIOVEDI' 8 DICEMBRE 2005
presso la libreria Urso ad Avola alle ore 11.00
lo scrittore Salvatore Spoto presenterà ai lettori l'ultimo suo libro intitolato
"SICILIA TEMPLARE".


SICILIA TEMPLARE, DI SALVATORE SPOTO
 PRESENTAZIONE  DI ENZA GARIPOLI