IN PRIMO PIANO

 

Enza Garipoli
Direttore responsabile

 

 

   SiciliaMillennium.it - www.siciliamillennium.it - Ottobre 2013 - 14 ottobre CATANIA - DOLORE CRONICO BENIGNO: IN ARRIVO A CATANIA I PRIMI CORSI DI FORMAZIONE PER I MEDICI DI BASE       Prima Pagina:              
home  - spettacoli - medicina - informatica - turismo - archivio_2012-13 - link - credits - ricordi - cultura
 


 SiciliaMillennium

 
 

Ottobre 2013

..............per saperne di più


 Giornalismo, cinema, sport, enti, istituzioni


LA PAGINA DEL DIRETTORE - Lettere 


 

 Pubblicità

 La vostra vetrina su Internet

PUBBLICITA' ONLINE
SiciliaMillennium.it

reclame@siciliamillennium.it
....................................
.... di più 


   Misura d'Amore, il Sito

Il supplemento culturale:
Misura d'Amore.it

 

.................................. entra


SiciliaMillennium.it

 Home
 Medicina&Salute
Old
&Salute
 Informatica
 Ricordi new
 Link
 Sicilia
 new cultura

Il sito di Anna Mauro


Il Teatro, le Regie, l'Arte di



www.annamauro.it

...............................


 
I Chiostri del tempo di Colombo
 

TURISMO IN SICILIA e... non solo


Sicily District

....................................di più



 

 

..............................


© sicilia millennium 2013
   tutti i diritti riservati


   
 

 

 

 

Medicina e Ricerca

14 ottobre 2013

www.siciliamillennium.it 


IL DOLORE CRONICO BENIGNO: PATOLOGIA INVALIDANTE ma POCO RICONOSCIUTA, dalla quale sono interessati IL 40% degli europei
In arrivo anche a Catania i primi corsi di formazione
per medici di base

 di Enza Garipoli
14 ottobre 2013 ore: 18.34


CATANIA, 14ott13 - Non sempre il dolore cronico è il campanello d'allarme di una malattia gravissima come il cancro. Spesso, infatti, il dolore cronico può essere la conseguenza di numerose malattie di natura non neoplastica. Tuttavia, in questi casi, si tratta di una vera e propria patologia invalidante che viene definita: dolore cronico benigno che, in base alle più recenti statistiche, coinvolge circa il 40% degli europei.
La sofferenza patita a causa del dolore cronico benigno, ha conseguenze nefaste sulla vita sociale e personale dei pazienti, i quali vedono pesantemente compromessa anche la loro sopravvivenza materiale poiché, a causa delle continue sofferenze non riescono nemmeno a lavorare costantemente. A tale patologia è, pertanto, addebitato anche un considerevole costo economico, poiché oltre la metà delle pazienti affetti da dolore cronico possono essere parzialmente o totalmente disabili per lunghi e vari periodi che possono comprendere vari giorni o addirittura mesi interi.
Nel nostro Paese, un italiano su quattro soffre di dolore cronico che in media potrebbe perdurare anche fino a sette anni: questo basti a considerare questa sindrome come un problema di non trascurabile impatto sociale.
L’International Association for the Study of Pain (Iasp) ha definito la sensazione umana del dolore come: “una sgradevole esperienza sensoriale ed emotiva associata a un danno tessutale attuale o potenziale, o descritto come tale. Il dolore è sempre un’esperienza soggettiva”.

IL DOLORE CRONICO

In genere, gli "addetti ai lavori" intendono per dolore cronico "un dolore che persiste per un periodo maggiore di tre mesi e che in realtà consiste in una sindrome complessa di dolore persistente, ed è accompagnato da disturbi emozionali e cognitivi".
E di conseguenza, mentre nel caso del dolore acuto è necessario per prima cosa rimuoverne la causa e riparare il danno, nel dolore cronico, che può considerarsi di per sé una malattia e non solo un sintomo, i trattamenti sono tutti incentrati sulla urgenza di controllare il dolore e di consentire al paziente un’esistenza quantomeno sopportabile nonostante il dolore con il quale è costretto a convivere. Grazie alle varie figure specialistiche, oggi molto si può fare in direzione della riabilitazione della disabilità e alla gestione della depressione e dell’ansia che ne sono le inevitabili conseguenze negative.
Nella scala Oms, l’organizzazione mondiale della Sanità, il farmaco antidolorifico e la sua potenza antalgica (contro il dolore) devono esser scelti e adottati proprio in proporzione all’intensità del dolore denunciata da paziente.

Ma la lotta al dolore cronico, sia benigno sia oncologico, il paziente deve cominciarla consultando il proprio medico di base.

IL RUOLO PRIMARIO DEL MEDICO DI BASE

"Il cambiamento da attuare riguarda anche la mentalità prescrittiva dei medici"


Il dottor Giulio Mellini, medico di medicina generale a Catania e ricercatore Snamid - società nazionale aggiornamento medico interdisciplinare – spiega e analizza questa vera e propria “rivoluzione” nell’approccio al dolore cronico in Italia.
«Il cambiamento da attuare riguarda – sottolinea il dottor Mellini - anche la mentalità prescrittiva dei medici, ancora oggi favorevole alla prescrizione dei Fans, dove sarebbe più opportuno l’utilizzo di farmaci oppioidi come nelle patologie non prevalentemente infiammatorie. La prescrizione di Fans è preferita malgrado gli effetti collaterali di emorragie gastrointestinali, di compromissione della funzione renale, della possibile induzione di ipertensione e di peggioramento del compenso cardiaco, rischi che incidono soprattutto negli anziani, che sono di per sé più fragili e portatori di patologie, ma che non sono trascurabili nel giovane».
La nuova Legge n. 38 di riforma delle reti di cure palliative e di terapia del dolore, approvata il 9 marzo 2010, prevede che sia il medico di medicina generale a svolgere un ruolo primario nella gestione dei pazienti con dolore, essendo inserito come protagonista all’interno di una rete territoriale che, a partire da questa legge, verrà organizzata e perfezionata su tutto il territorio nazionale in ogni regione italiana.

«Secondo la Legge 38, - conclude il dottor Mellini -i medici di famiglia possono inoltre organizzarsi, in base alla zona di competenza, in Aggregazioni funzionali territoriali, Aft, attraverso le quali predispongono un ambulatorio di terapia del dolore gestito da un team di medici di medicina generale appositamente formato. Anche nell’Asp 3 di Catania sono ormai in dirittura di arrivo i corsi di formazione per i primi medici di medicina generale, i quali saranno così in grado a loro volta di formare tutti gli altri colleghi sulle tematiche più moderne relative alla terapia del dolore».


 

 

Altre notizie

....................................vai all'archivio 2008

 

  Lettere al direttore: direttore@siciliamillennium.it


   

 Giornalismo, cinema, sport, enti, istituzioni


LA PAGINA DEL DIRETTORE - Lettere 

 21 settembre 2013

www.siciliamillennium.it 

ROMA, 21set13  -  Sanita': stop intramoenia se liste attesa troppo lunghe - Zingaretti, valuteremo dg su tempi, via chi non li rispetta

21 settembre 2013 ore: 18.30
 

..............................                                               ...........per saperne di più

 21 settembre 2013

www.siciliamillennium.it 

21set13  - Influenza, a Catanzaro farmacie attive per campagna vaccinale
21 settembre 2013 ore: 17.34
 

.........................................per saperne di più

 21 settembre 2013

www.siciliamillennium.it 

ROMA, 21set13  -  Recapito a domicilio dei farmaci, Federfarma Servizi: rischio per la salute pubblica
21 settembre 2013 ore: 15.34
 

.......................................per saperne di più

 21 settembre 2013

www.siciliamillennium.it 

ROMA, 21set13  -  Dossier farmaceutico:  Mandelli: primo passo per mettere in rete i professionisti della salute
21 settembre 2013 ore: 14.34
 

........................................per saperne di più


 20 settembre 2013

www.siciliamillennium.it 

ROMA, 20set13  -  Cresce la sensibilità al dolore e cala l’analgesia con la codeina
20 settembre 2013 ore: 20.50
 

........................... .............per saperne di più


 24 Luglio 2013

www.siciliamillennium.it 

MILANO, 24lug13  -  Stili di vita sani per una vescica in forma: ecco il segreto della prova bikini, I consigli di Fondazione italiana continenza per arrivare in spiaggia in salute e lasciare a casa i problemi dell’incontinenza. Le corrette abitudini per evitare spiacevoli inconvenienti anche in vacanza

24 luglio 2013 ore: 19.30

...................................per saperne di più


 18 luglio 2013

www.siciliamillennium.it 

GERUSALEMME,  -  18 luglio 2013 : Ridotte ricadute sclerosi multipla recidivante remittente

La fase III dello studio GALA pubblicato su Annals of Neurology dimostra che una dose più concentrata di glatiramer acetato somministrata tre volte alla settimana, riduce l'incidenza annua di ricadute nel trattamento della Sclerosi Multipla Recidivante Remittente
18 luglio 2013 ore: 19.00

.........................................per saperne di più


..............................                                            ...........per saperne di più


  .

 




™SiciliaMillennium
 Fondato nel febbraio 2001
progetto grafico Edizioni Steri - Enza Garipoli Edizioni
progetto editoriale-impaginazione: Enza Garipoli
© sicilia millennium 2001 - 2013
All rights reserved - Tutti i diritti riservati  --